Blog

La campagna di formazione fa tappa nelle strutture di reclusione di Trani

Campagna di formazione al carcere di Trani

Dopo gli istituti scolastici di Taranto, Gallipoli e Modugno, continua senza sosta la campagna di formazione del progetto “GGAG – Go Green Apulia, Go!” di Legambiente Puglia, realizzato nell’ambito dell’Avviso Pubblico “Giovani per il sociale”, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile.

Questa volta ha fatto tappa nelle strutture di reclusione, sezione maschile e femminile, di Trani: è approdata in carcere nel tentativo di modificare idee pregiudiziali e luoghi comuni per tendere verso quella civiltà globale cui tutti aspiriamo.

In questi istituti, Legambiente ha introdotto il concetto di “economia sostenibile” al fine di coinvolgere e formare i detenuti sui temi della green economy e dei green jobs quali elementi di riscatto sociale e lavorativo e stimolo nel cercare e creare nuove competenze spendibili in futuro, una volta scontata la pena.

Un invito a muoversi verso un nuovo futuro è stato lanciato da Vito Scaringella, Direttore Generale della Corgom Srl, ospite d’onore dell’incontro che ha raccontato l’esperienza della sua realtà imprenditoriale a Corato, che si occupa di raccolta, trasporto e recupero di Pneumatici Fuori Uso.

Terminata la presentazione sull’ambizioso percorso circolare e sugli obiettivi del Progetto “GGAG – Go Green Apulia Go!, ovvero creare occupazione e generare valore attraverso la sostenibilità ambientale pugliese, a cura dei referenti di Legambiente Puglia, Loredana D’Ambrosio ed Eliana Diaferia, è intervenuto il management della Corgom Srl, Gaetano Fuzio, che ha spiegato la corretta gestione dei rifiuti integrando economia, salute e ambiente.

Fondamentale la collaborazione del circolo Legambiente di Trani nell’organizzazione dell’incontro presso gli istituti penitenziari dove i detenuti e le detenute hanno mostrato un particolare coinvolgimento e interesse.

 

Vai alla photogallery